www.ivomilan.it

   IVO MILAN – Radical Fashion Blog

Archive
Design

daniela-gregis-fw-2017-2018-dress-detail-1

Brume autunnali, foschie sospese, cieli impastati, colori bruniti, i frutti secchi dell’inverno e i ceppi legnosi, ardenti nell’intimità domestica del focolare. E ancora il tempo, trascorso tra il familiare vociare dei fanciulli, assorbiti in primi e istintivi disegni, e il lavoro a telaio, a maglia, uncinetto. Atmosfere raccolte, cicliche e lente, dimensioni placide, vagheggiate nel febbrile tran tran quotidiano della vita metropolitana.

daniela-gregis-2017-2018-coat-detail

daniela-gregis-fw-2017-2018-dress-detail

Sempre riconducibile alle più suggestive atmosfere stagionali, il lavoro di Daniela Gregis accompagna il pubblico in un’immersione, visuale e sensibile, dei toni prevalenti il suo autunno/inverno. Non è difficile immaginare i territori invernali del nord Italia nei grigi stropicciati dei cotoni lavati, o nei segni a carboncino delle spennellate increspate del crêpe. Scorci di pallidi cieli compaiono nel cachemire, melange o a quadretti, e quel marrone così ricorrente degli arbusti locali torna nelle tonalità calde del beige o più bruciacchiate negli sfondi degli abbozzati tracciati infantili.

La designer di Bergamo non coltiva melanconiche percezioni della stagione più lunga, rilancia, con importanti lunghezze degli abiti ed esplosioni cromatiche degli accessori,

daniela-gregis-fw-2017-2018-bag-detail-1

daniela-gregis-fw-2017-2018-bag-detail

una visione ludica ed aristocratica dell’inverno, il tempo della città, del lavoro e degli itinerari urbani per eccellenza. I blocchi tessili sfalsati scherniscono il meteo, la nostalgia e l’apatia, invitano a mescolanze e ricombinazioni, a coltivare l’ilarità composta e curata del buon vivere…

Uno sguardo più ravvicinato con la sfilata di Daniela Gregis autunno/inverno 2017-’18 direttamente dall’Oratorio della Passione – Basilica di Sant’Ambrogio, Milano:

video-youtube-daniela-gregis-blog

Scopri online la nuova collezione autunno/inverno di Daniela Gregis

 

 

Read More

Photo by Pascal Maucuit

Photo by Pascal Maucuit

In un piovoso sabato mattina parigino, con la città ancora addormentata, si corre verso la sede che ospiterà la sfilata di Junya Watanabe: la facoltà di farmacologia in Rue de l’Observatoire, esattamente al capo opposto della fermata della metropolitana verso cui dovremo recarci in serata per quella di Comme des Garçons.

La pioggia, l’orario e la fretta nel cercare il modo più rapido per raggiungere la nostra destinazione, non favoriscono il buon umore, fino a ché, una volta appostate nell’imponente salone della facoltà, non veniamo risvegliate da un rock incalzante. Il ritmo sprona all’attenzione, l’incedere agguerrito delle modelle trascina i presenti in inevitabili, quanto personali, riflessioni sulla moda, sulla sua utilità o vacuità, soprattutto, genera una reale, diffusa e quanto mai palpabile percezione di entusiasmo incontenibile.

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Come se il mondo improvvisamente si riappropriasse di ogni potenziale, le possibili silhouette proiettate sul futuro autunno/inverno di Junya Watanabe fomentano quella voglia di cambiamento che è il vulnus stesso della moda e la radicalità con cui il designer giapponese lo mette in scena è trascinante.

Fedele ad una propria visione ‘cybergiante’ della contemporaneità, Watanabe assembla materiali col suo tipico modulo origami che, in questa occasione, potremmo riconoscere nel cerchio: cavallino, pelle nera, macchie di leopardo, tutto rigorosamente in simil-pelle sintetica, borchie e pailletes ricompongono patch-work di culture ed epoche della storia del costume dalle forme più sperimentali. L’eccesso è il filo conduttore di elementi decorativi deformanti, che non delineano solo estetiche inedite, ma entrano a far parte e modificano la stessa struttura fisica umana. Cappe come scultoree ali tessili multicolor, private di qualsiasi poetica romantica e poste a difesa di ogni ipotetico attacco, tuniche che amplificano la circolarità dei chakra, cappotti sagomati intorno alla figura femminile a sfere asimmetriche accostate, possibili armature ultra-moderne contro l’avanzata del nulla creativo.

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Junya Watanabe Fall/Winter 2017-2018

Ma l’eccesso si ripulisce infine, viene reso accessibile nelle scelte in show-room, rivelatrici di quanto sia percorribile e riconducibile nella frenetica vita quotidiana e quanto invece rimanga un esercizio visionario di pura e straordinaria arte tessile contemporanea.

 

Read More

Met - Exhibition Comme des Garçons

È finalmente in corso l’esposizione che il Costume Institute del Metropolitan Museum di New York, la maggiore istituzione americana in ambito culturale sulla moda ed il costume, ha dedicato all’opera della designer Rei Kawakubo, in arte Comme des Garçons.
Per la seconda volta nella sua storia, il MET riserva i suoi spazi ad un autore ancora vivente (precedentemente avvenne nel 1983 con Yves Saint Laurent) e Art of the In-Between, inaugurata lo scorso 4 maggio, è stata già definita ‘epocale’ per la profondità d’analisi metodologica adottata.

«Ho sempre perseguito un modo di pensare alla progettazione negando i valori stabiliti, le convenzioni e tutto ciò che generalmente viene accettato come norma. Mi esprimo attraverso i concetti di fusione, squilibrio, incompiutezza, eliminazione e nell’assenza stessa di un intento»
ha dichiarato la designer (cit. da Style Magazine n° 5 di maggio 2017).

Un metodo operativo decisamente atipico, soprattutto collocandolo nel contesto conformista e omologante quale è il fashion system, governato, per sua stessa sopravvivenza, da tendenze che per essere assimilate devono imporsi con codici stilistici facilmente comprensibili.

All’opposto, la designer giapponese ha sempre lavorato allestendo collezioni da metabolizzare ed elaborare su tempi lunghi, incoraggiando interpretazioni personali e, il più delle volte, non univoche. Il consenso immediato, per Rei Kawakubo, è solo riflesso e conferma di un lavoro mal riuscito, in quanto troppo semplice.

Rei Kawakubo - Comme des Garçons

photo by Style Magazine

 

E ancora, in un’altra sua celebre affermazione:

«creo abiti per donne che non si fanno influenzare dall’opinione dei propri mariti»,

emerge una significativa distanza da un modo di intendere la moda come pratica volta a valorizzare due elementi cardinali: l’anatomia del corpo e, non meno importante, il censo.
Rei Kawakubo smantella, letteralmente questi due obiettivi. Con lei l’abito diviene, più che mai, appendice del pensiero e della personalità di chi lo indossa, possibile elemento di un ipotetico dialogo filosofico tra il sé e il resto del mondo. Non più quindi il medium per esibire curve e risorse economiche, bensì un potente mezzo di comunicazione, espressione e spiazzamento, un esercizio estetico a tutti gli effetti, un prolungamento della propria cultura, creatività e complessità riflessiva. L’abito si spoglia della sua riconoscibilità stagionale, acquisendo un’atemporalità assoluta. Per la storia del costume, questa è una rivoluzione.
Volumi audaci, sistematiche asimmetrie, stratificazioni, sfilacciamenti da non-finito, tagli e squarci nei punti più inattesi, solo alcuni dei tratti identificativi del linguaggio alla Comme des Garçons.

L’esposizione, curata da Andrew Bolton, mette in scena 150 abiti organizzati in diverse sezioni tematiche:

Fashion/Anti-Fashion
Self/Other
Design/Non Design
Model/Multiple
Then/Now
High/Low
Object/Subject
Clothes/Non Clothes

in sostanza, le stesse antinomie aperte da Rei Kawakubo nel susseguirsi delle diverse collezioni.

Non è eccessivo affermare che, chi non potesse recarsi entro il 4 di settembre al MET per visitare la magnifica esposizione, oltre al catalogo disponibile sul sito del museo, può ricomporre parti del percorso creativo della designer sulla nostra special room, online e, dal vivo, nel negozio di Padova.

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

 

Scopri tutta la selezione online di Comme des Garçons nel nostro sito:

http://www.ivomilan.com/it/Tutte_le_collezioni-0/All-0/COMME_DES_GARCONS-48/e-shop.htm

 

Read More

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Di Junya Watanabe abbiamo sempre messo in luce la sua peculiare capacità interpretativa nell’allestire, in forma d’abito, le sollecitazioni predominanti del nostro tempo. Post-moderno, cyber-punk, sarto-filosofo di un’epoca attraversata da rapidissime trasformazioni, dove plastiche e inediti materiali, componenti di paesaggi industriali dismessi, sono intervenuti, di collezione in collezione, a dare forma alla sua personale metabolizzazione e lettura della contemporaneità.

Con la primavera/estate 2017 è l’anima più agguerrita del designer giapponese, prodotto dalla Maison Comme des Garçons, a manifestarsi nell’assolata passerella mattutina del Palais Du Tokyo. Assordante musica hard-rock accompagna il passo fiero ed affrettato di stralunate guerriere metropolitane, evidentemente insofferenti verso un presente sempre più spinoso ed esigente, oltremodo conformista.

A rinforzarne il ritmo, i classici elementi decorativi del movimento punk: creste ed altre acconciature scarmigliate e colorate, leggings sbrindellati e mini-gonne iper-succinte.

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Photo by Vogue

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Photo by Vogue

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Photo by Vogue

Ma la citazione alla Watanabe non è nostalgica e pedissequa, bensì provocatoria e pungente. Lo spunto diviene occasione per procedere con gli esercizi origami, il modulo tessile si fa piramidale, gli spigoli metallici e minacciosi di borchie e piercing acquisiscono levità e grazia nelle lavorazioni in organza, fino all’estremizzazione stellare di un gilet – non a caso rosa pallido – tornando poi gravi nella pelle sintetica di borse e accessori.

Junya Watanabe S/S Collection 2017

L’oscillazione tra i poli opposti: grave e lieve, bellicoso e docile, compone e articola la collezione. Da un lato l’impeto e il vigore di volumi over, come felpe, parka e t-shirt e dall’altro la femminilità di silhouette definite nitidamente da drappeggi inaspettati, generati da cuciture semi-invisibili, di bouquet floreali e tessuti più accomodanti, come l’organza e il georgette.

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Contro ogni previsione e riferimento, i due estremi coesistono in un nuovo equilibrio estetico, dove il reciproco controllo e potenziamento generano la più inattesa ed improbabile delle espressioni punk, la poesia!

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Di seguito, la scelta IVO MILAN Radical Fashion direttamente dallo showroom di Place Vendôme, Paris:

 

Junya Watanabe S/S Collection 2017

Read More

Comme des Garçons Spring/Summer 2017

Mentre è ormai imminente l’esposizione al Metropolitan Museum of Art Costume Institute di New York, dedicata al lavoro di Rei Kawakubo-Comme des Garçons e curata da Andrew Bolton (verrà inaugurata il prossimo 4 maggio), il celebre magazine online, AnOther, svela in un lungo articolo lo show-room della nota Maison giapponese, il tempio dell’anti-moda per eccellenza.

Another Mag - Rei Kawakubo show-room
Photo by AnOtherMag

Un ottimo spunto per condurvi al suo interno con le nostre riprese della primavera/estate 2017. Materiale di rara eccezionalità, una concessione ottenuta col lavoro di lunga data insieme e con una peculiare organizzazione dell’attività in negozio, di preparazione, memoria storica e archivistica e, soprattutto, di avvicinamento alle nuove proposte a destinatari altrimenti poco assistiti dalla scarsa comunicazione disponibile su questo genere di abbigliamento.

Comme des Garçons Spring/Summer 2017 show-room video

Da qualche anno Rei Kawakubo utilizza la passerella come spartito su cui comporre il cerimoniale delle sue collezioni. Non più suggerimenti su cosa indossare nel corso della stagione, bensì intuizioni filosofiche tradotte in forme tessili complessissime, da cui attingere indizi sui tessuti e pesi che comporranno l’assortimento stagionale. La designer indaga lo spirito del tempo e lo confeziona presentandolo ad un pubblico teso nel sacrificio di una comprensione sempre meno accessibile e decifrabile ma, nella sua astratta lontananza, sempre più poetica e teatrale.

Comme des Garçons S/S 2017 defilé

Comme des Garçons Spring/Summer 2017 defilé/Crash

Photo by Crash

Nello spazio di Place Vendôme, le sagome ingombranti si ridimensionano, divengono abiti percorribili, che non negano la silhouette femminile con gli eccessi promessi in sfilata. Il camouflage è portabile nelle asimmetrie di giacche e t-shirt. Le inquietanti imbottiture per l’estate si traducono in pieghe irregolari, soluzioni stilistiche che amplificano il movimento dei capi o in elementi decorativi di più semplice utilizzo e composizione.

 

La selezione si svolge nello spazio rubato alle enormi installazioni ordinate in sequenza, opere prime sottratte alla scena, immersi nella colonna sonora che, in loop per giornate intere, evoca e rinforza le suggestioni del recentissimo spettacolo scenico.

Comme des Garçons camouflage dress S/S 2017

Comme des Garçons camouflage jacket S/S 2017

Comme des Garçons cotton light dress S/S 2017

Comme des Garçons polyester dress S/S 2017

Comme des Garçons padre gilet S/S 2017

Read More