www.ivomilan.it

   IVO MILAN – Radical Fashion Blog

Archive
Fashion

daniela-gregis-fw-2017-2018-dress-detail-1

Brume autunnali, foschie sospese, cieli impastati, colori bruniti, i frutti secchi dell’inverno e i ceppi legnosi, ardenti nell’intimità domestica del focolare. E ancora il tempo, trascorso tra il familiare vociare dei fanciulli, assorbiti in primi e istintivi disegni, e il lavoro a telaio, a maglia, uncinetto. Atmosfere raccolte, cicliche e lente, dimensioni placide, vagheggiate nel febbrile tran tran quotidiano della vita metropolitana.

daniela-gregis-2017-2018-coat-detail

daniela-gregis-fw-2017-2018-dress-detail

Sempre riconducibile alle più suggestive atmosfere stagionali, il lavoro di Daniela Gregis accompagna il pubblico in un’immersione, visuale e sensibile, dei toni prevalenti il suo autunno/inverno. Non è difficile immaginare i territori invernali del nord Italia nei grigi stropicciati dei cotoni lavati, o nei segni a carboncino delle spennellate increspate del crêpe. Scorci di pallidi cieli compaiono nel cachemire, melange o a quadretti, e quel marrone così ricorrente degli arbusti locali torna nelle tonalità calde del beige o più bruciacchiate negli sfondi degli abbozzati tracciati infantili.

La designer di Bergamo non coltiva melanconiche percezioni della stagione più lunga, rilancia, con importanti lunghezze degli abiti ed esplosioni cromatiche degli accessori,

daniela-gregis-fw-2017-2018-bag-detail-1

daniela-gregis-fw-2017-2018-bag-detail

una visione ludica ed aristocratica dell’inverno, il tempo della città, del lavoro e degli itinerari urbani per eccellenza. I blocchi tessili sfalsati scherniscono il meteo, la nostalgia e l’apatia, invitano a mescolanze e ricombinazioni, a coltivare l’ilarità composta e curata del buon vivere…

Uno sguardo più ravvicinato con la sfilata di Daniela Gregis autunno/inverno 2017-’18 direttamente dall’Oratorio della Passione – Basilica di Sant’Ambrogio, Milano:

video-youtube-daniela-gregis-blog

Scopri online la nuova collezione autunno/inverno di Daniela Gregis

 

 

Read More

Photo by http://www.yohjiyamamoto.co.jp/ys/

L’esteso assortimento che caratterizza la Y’s, linea con cui Yohji Yamamoto esordì nel 1977, viene ormai presentato in due diversi momenti dell’anno e anch’esso suddiviso, senza alcuna frattura tematica, in pre-collezione e collezione.

La primavera/estate 2017, che con il nostro consueto video operativo abbiamo il piacere di mostrarvi nella sua ambientazione originale, lo show-room di Rue Saint Martin a Parigi, assembla quindi le due fasi in un continuum stilistico facilmente riconoscibile per chi abbia familiarità con la nota Maison giapponese.

Frequenti asimmetrie e sovrapposizioni, volumi ospitali quanto complessi, sono alcuni dei codici più ricorrenti. La collezione con cui Yohji manifesta la propria lettura della quotidianità, riserva tuttavia pregi di minore immediatezza. L’uso del colore, ad esempio, che sia un piccolo pois, una nota melange o apparentemente una stampa, risulta sempre da approfondite collaborazioni tra eccezionalità tessili e quel serbatoio di remote tradizioni rappresentato da esclusive tintorie locali, ultime depositarie di saperi antichissimi, coinvolte non solo per restituire al pubblico rare suggestioni estetiche ma anche per tener vivo quel preziosissimo patrimonio artigianale.

Nel connubio straordinario tra modernità e tradizione, si possono ammirare indefinibili tonalità di grigio sul lino fiammato, irregolari sfumature verticali rese dalla morfologia delle tavole di legno su cui vengono adagiate le tele in tencel e cotone, o in lino, per stenderne le miscele cromatiche che verranno poi assorbite e alterate dalla base lignea. O ancora, i casuali percorsi del sale steso sul rayon, forellato con punteruoli manuali per favorirne l’assorbimento, e poi distribuito non da una metodica azione umana, ma dalla capricciosa direzione del vento in un disegno naturale e astratto riflesso da ombreggiature e punti luce cosmici.

Impossibile narrare tutto il sapere accumulato in una linea, la Y’s, che, con garbo e ostinazione, negli equilibri formali di ogni capo, nella saggezza delle vestibilità, insiste nel rispettare i contesti, le stagioni e la complessità del vivere contemporaneo.

Scopri online tutte le collezioni di Y’s Yohji Yamamoto

 

Read More

Daniela Gregis Spring/Summer 2017 full fashion show - Ivo Milan

Vedi in anteprima il video esclusivo della sfilata di Daniela Gregis

 

Sulla bella costa della riviera francese, a mezza strada tra Marsiglia e il confine italiano, sorge un albergo rosa, grande e orgoglioso. Palme deferenti ne rinfrescano la facciata rosata, e davanti a esso si stende una breve spiaggia abbagliante. Recentemente è diventato un ritrovo estivo di gente importante e alla moda [...]

L’incipit, famosissimo, di Tenera è la notte, il capolavoro di Francis Scott Fitzgerald, quale ideale ambientazione entro cui collocare la primavera/estate 2017 di Daniela Gregis.

Impossibile non farsi trasportare dall’intensità cromatica delle fibre dipinte e dall’incedere rilassato dei volumi vacanzieri nelle atmosfere aristocratiche e sensuali della nobile costa francese, descritta con fotografica abilità letteraria dal grande autore americano. Un tempo lieve e spensierato che nonostante la designer bergamasca attinga dal mondo ancora spontaneo e giocoso dell’infanzia, rammenta più i ritmi leggeri e svagati di una élite colta ed esigente, paga di una bellezza onnipresente e diffusa.

I pois sono sfumati, nei contorni e nelle tonalità, adagiati da una gradevole brezza sulla fuggevole seta del crêpe de chine. L’indimenticabile paesaggio di un’esclusiva ‘camera con vista’ distrattamente assorbito nelle cedevoli note pastello del voile. Il rigoglio voluttuoso della macchia mediterranea, intercettato nella vigorosa pellicola di lino, restituito nelle abbacinanti e allucinate impressioni visive dei ramage arancio, macchiati di blu e verde. Se certi colletti cuciti, la rigida espressione di alcuni modelli aprettati, il rassicurante e pacato rosa pastello, dovessero risultare vagamente bon-ton, nella loro caotica realizzazione, nella scelta di tessuti umili o lavati e stropicciati, cangianti, viene affermata al contrario quella libertà anticonformista, un po’ dispettosa e ribelle, tipica di un’agiatezza protetta e indulgente.

Daniela Gregis interpreta e traduce le suggestioni più potenti della stagione, ne evoca le promesse, ne suggerisce il tepore e, prima ancora del suo arrivo, invita a viverla appieno, per renderla memorabile!

Scopri online tutte le collezioni di Daniela Gregis

Salva

Salva

Salva

Salva

Read More

Met - Exhibition Comme des Garçons

È finalmente in corso l’esposizione che il Costume Institute del Metropolitan Museum di New York, la maggiore istituzione americana in ambito culturale sulla moda ed il costume, ha dedicato all’opera della designer Rei Kawakubo, in arte Comme des Garçons.
Per la seconda volta nella sua storia, il MET riserva i suoi spazi ad un autore ancora vivente (precedentemente avvenne nel 1983 con Yves Saint Laurent) e Art of the In-Between, inaugurata lo scorso 4 maggio, è stata già definita ‘epocale’ per la profondità d’analisi metodologica adottata.

«Ho sempre perseguito un modo di pensare alla progettazione negando i valori stabiliti, le convenzioni e tutto ciò che generalmente viene accettato come norma. Mi esprimo attraverso i concetti di fusione, squilibrio, incompiutezza, eliminazione e nell’assenza stessa di un intento»
ha dichiarato la designer (cit. da Style Magazine n° 5 di maggio 2017).

Un metodo operativo decisamente atipico, soprattutto collocandolo nel contesto conformista e omologante quale è il fashion system, governato, per sua stessa sopravvivenza, da tendenze che per essere assimilate devono imporsi con codici stilistici facilmente comprensibili.

All’opposto, la designer giapponese ha sempre lavorato allestendo collezioni da metabolizzare ed elaborare su tempi lunghi, incoraggiando interpretazioni personali e, il più delle volte, non univoche. Il consenso immediato, per Rei Kawakubo, è solo riflesso e conferma di un lavoro mal riuscito, in quanto troppo semplice.

Rei Kawakubo - Comme des Garçons

photo by Style Magazine

 

E ancora, in un’altra sua celebre affermazione:

«creo abiti per donne che non si fanno influenzare dall’opinione dei propri mariti»,

emerge una significativa distanza da un modo di intendere la moda come pratica volta a valorizzare due elementi cardinali: l’anatomia del corpo e, non meno importante, il censo.
Rei Kawakubo smantella, letteralmente questi due obiettivi. Con lei l’abito diviene, più che mai, appendice del pensiero e della personalità di chi lo indossa, possibile elemento di un ipotetico dialogo filosofico tra il sé e il resto del mondo. Non più quindi il medium per esibire curve e risorse economiche, bensì un potente mezzo di comunicazione, espressione e spiazzamento, un esercizio estetico a tutti gli effetti, un prolungamento della propria cultura, creatività e complessità riflessiva. L’abito si spoglia della sua riconoscibilità stagionale, acquisendo un’atemporalità assoluta. Per la storia del costume, questa è una rivoluzione.
Volumi audaci, sistematiche asimmetrie, stratificazioni, sfilacciamenti da non-finito, tagli e squarci nei punti più inattesi, solo alcuni dei tratti identificativi del linguaggio alla Comme des Garçons.

L’esposizione, curata da Andrew Bolton, mette in scena 150 abiti organizzati in diverse sezioni tematiche:

Fashion/Anti-Fashion
Self/Other
Design/Non Design
Model/Multiple
Then/Now
High/Low
Object/Subject
Clothes/Non Clothes

in sostanza, le stesse antinomie aperte da Rei Kawakubo nel susseguirsi delle diverse collezioni.

Non è eccessivo affermare che, chi non potesse recarsi entro il 4 di settembre al MET per visitare la magnifica esposizione, oltre al catalogo disponibile sul sito del museo, può ricomporre parti del percorso creativo della designer sulla nostra special room, online e, dal vivo, nel negozio di Padova.

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

Comme des Garçons Ivo Milan, IVO MILAN Radical Fashion; Comme des Garçons shop online, Comme des Garçons Metropolitan Art Museum, Comme des Garçons Exhibition, Comme des Garçons Ivo Milan Padova, Comme des Garçons Rei Kawakubo shop online, Ivo Milan Rei Kawakubo

 

Scopri tutta la selezione online di Comme des Garçons nel nostro sito:

http://www.ivomilan.com/it/Tutte_le_collezioni-0/All-0/COMME_DES_GARCONS-48/e-shop.htm

 

Read More

Issey Miyake Inc.

Tra i profani, ancora oggi il nome della più avveniristica tra le Maison del prêt-à-porter è associato ad un profumo, l’Eau d’Issey.

Un binomio inspiegabile e paradossale se ci si addentra nella vastissima ed iper-tecnologica produzione tessile che, da quasi mezzo secolo, identifica il marchio Issey Miyake. Non solo l’azienda è infatti titolare di diversi altri brand, tra cui Pleats Please, BaoBao, Cauliflower, 1 3 2.5, ecc., ma soprattutto rimane al centro dell’attenzione dei maggiori musei d’arte contemporanea e di molte tra le più prestigiose riviste e pubblicazioni di arte, architettura e design.

Issey Miyake Cartier Fondation

Le ragioni di riconoscimenti tanto autorevoli e frequenti stanno senz’altro nell’estensione dei confini che normalmente costringono la materia stessa dell’opera, il tessuto, trasformandola in fibra plastica per eccellenza, sulla quale intervenire con tutta la complessità e libertà ideativa del creare, rispondendo a domande di partenza molto semplici: agilità nei movimenti, comfort e, naturalmente, estetica.

Se l’espressione che meglio inquadra il lavoro del Miyake Design Studio, un laboratorio che concentra genialità ingegneristiche ed informatiche, è il plissé, occorre oggi addentrarsi nelle sue diverse realizzazioni, in una costante connessione tra forma e colore. Da un lato abbiamo lo ‘steam-stretch‘ che, semplificando, utilizza il calore del vapore per dare rilievo alla piega, spesso riconoscibile dalle volute a spirale che percorrono il capo, sia esso abito, giacca o maglia. Dall’altro, l’ultimo e più complesso ‘baked stretch‘, dove il processo di definizione formale dell’oggetto finito avviene tramite un’ingegnosa combinazione di pigmenti stesi sul poliestere che, entrando in appositi forni, seguono lo sviluppo tridimensionale dell’articolo finale attraverso un fenomeno di lievitazione.

La sintesi di questi esperimenti può risultare semplice da comprendere solo se ignora che, in entrambi i casi, le équipe di lavoro operano su capi che sono già stati costruiti in partenza e che si rivelano nella loro forma conclusiva e definitiva dopo aver subito il trattamento tessile.

L’idea che l’abito possa diventare un’occasione artistica a tutti gli effetti e la sua dimostrazione nelle astrazioni concretizzate nei prodotti di Issey Miyake, spiegherebbero l’interesse della stampa specializzata verso la Maison, l’onore di poter essere esposti nelle maggiori gallerie d’arte contemporanea e, probabilmente, l’opposta impreparazione del grande pubblico, alieno a tutto ciò che i media non reclamizzano con forza per renderlo semplice e riconoscibile.

Issey Miyake Exhibition at the National Art Center in Tokyo

Le immagini che seguono mostrano esempi sia dello steam stretch che del baked stretch. Entrambi, avendo come materiale di base il poliestere, si prestano per essere indossati sia nella stagione invernale che in quella estiva, nel primo caso stratificando e, nel secondo, ovviamente, mantenendo le nudità di partenza.

Ma è possibile osservare altre poetiche manifestazioni della Maison nelle maglie, con le colorazioni del cosmo tinte a mano e poi trasferite sul plissé ad effetto seta, o nello straordinario affresco in cotone e poliestere del soprabito, dove la tela liscia incontra in continuità la piega elastica delle parti plissettate nei punti di maggior movimento del torso e lungo le braccia.

La debole differenziazione tra autunno/inverno e primavera/estate è un’ulteriore dimostrazione dell’estrema funzionalità e fruibilità di un abbigliamento congegnato per risolvere i più ricorrenti dei problemi: l’essere in viaggio, tra diverse condizioni meteorologiche; la facilità nel lavaggio; l’impossibilità di stirare; il lungo utilizzo nell’arco di una giornata, scandita dalle routine quotidiane del mattino ai momenti serali di maggior scambio sociale.

Issey Miyake Collezione autunno/inverno 2016-17

Issey Miyake Collezione autunno/inverno 2016-17

Issey Miyake Collezione autunno/inverno 2016-17

Issey Miyake Collezione autunno/inverno 2016-17

Issey Miyake Collezione autunno/inverno 2016-17

Issey Miyake Collezione autunno/inverno 2016-17

 

Scopri tutta la selezione online di Issey Miyake nel nostro sito:

http://www.ivomilan.com/it/Tutte_le_collezioni-0/All-0/ISSEY_MIYAKE-47/e-shop.htm

 

Read More